scrivi

Una storia di BrunoMagnolfi

Fin dagli inizi.

Poi non c'è niente oltre le case

428 visualizzazioni

4 minuti

Pubblicato il 27 giugno 2021 in Altro

Tags: #raccontobreve #solitudini

0



<<Poi non c'è niente oltre le case in fondo al paese>>, dice Silvia Lotti frettolosamente a dimostrazione del fatto che da lì è bene comunque andarsene alla prima occasione. La sua amica sorride senza dare troppa importanza a quelle parole, ma continua a guardarsi attorno come non avesse mai visto una cittadina di provincia simile a quella. <<A me piace molto l'aria che si respira tra questa gente che ti conosce da sempre>>, le dice con calma, <<e che si interessa di te, dei tuoi progressi, delle tue scelte, della tua vita, insomma>>. Naturalmente si capisce come l’amica sia arrivata in paese soltanto stamani, giusto per trascorrere due o tre giorni assieme alla sua compagna di studi universitari ed assolutamente originaria di quel luogo, e non possa rendersi conto in questa maniera, abituata da sempre ad abitare in una grande città, di che cosa sia crescere in un piccolo centro grigio e monotono, di cui si può anche apprezzare alcuni aspetti minori certe volte, specialmente in certi particolari momenti, ma che alla lunga diventa assolutamente opprimente e asfissiante. <<Ho sempre desiderato andarmene da questa località>>, dice Silvia adesso con espressione sincera; <<e forse l'occasione più concreta mi è stata offerta proprio dagli studi, almeno fino ad oggi, ed ovviamente in seguito dalla carriera lavorativa che potrò intraprendere tra non molto, presumibilmente lontano da qui. Per me quindi questa prossima laurea ha molto più valore che per qualsiasi altro studente, e corona in qualche maniera il mio bisogno di libertà, le possibili scelte da fare, il mio sentirmi improvvisamente fuori dalle logiche ossessive che si respirano qui. È un trampolino, una via di fuga, l'inizio di una vita così come l'avrei sempre voluta>>. L'altra annuisce, forse è vero che non comprende del tutto questa necessità di andarsene via dalla famiglia e da chi si conosce da sempre, elementi che appaiono così importanti adesso per la sua amica Silvia, ma in ogni caso rispetta anche questa opinione e ritiene forse persino auspicabile questa sua esigenza, senza soffermarsi in nessun caso a darne un giudizio.

<<Ci sono persone qua in giro>>, prosegue la Lotti, <<disposte ad avvallare a priori tutti i tuoi ideali, qualsiasi essi siano, senza mai criticare niente di te, almeno fino a quando ti sono di fronte, salvo commentare negativamente ogni tua scelta nello stesso momento in cui la stai effettuando, però alle tue spalle, senza mostrarsi, semplicemente parlandone in giro con gli altri che ti conoscono, che sanno quasi tutto di te; e questa pesante opinione che assumono questi sulle tue cose, diventa immediatamente, come per una magia, quella di tutto quanto il paese, che poi sembra quasi tenda a inseguire i tuoi comportamenti in ogni momento, come un legaccio morale che ti tenga legata a dei principi quasi inviolabili, che loro comunque ritengono propriamente quelli di tutti>>. L'amica la guarda cercando di manifestare anche adesso la propria comprensione, nella certezza di ritenere che ci sia qualcosa di troppo forzato in quelle parole, come se una parte di personalità avesse bisogno di un alibi forte per manifestarsi in modo completo. <<Non è neppure possibile ritenersi del tutto una vittima della situazione>>, prosegue Silvia Lotti; <<le cose stanno in questa maniera, se non hai la sensibilità per soffrirne, allora è un bene per te, che puoi dimostrarti indifferente a questi meccanismi; in caso contrario sei presa dentro ad una logica secondo la quale il tuo errore sarà manifesto, in un caso o nell'altro>>.

Poi tornano indietro, loro due, ripassano per il corso e davanti ai due o tre locali dove i ragazzi si fermano a bere ogni sera, e dove forse qualcuno di loro sta elaborando dentro di sé lo spirito giusto per schierarsi dalla stessa parte di Silvia; però è troppo facile e consueto per ognuno di loro abbracciare l'opinione comune e imperante, e così risolvere spesso con una semplice battuta di spirito tutto l'impegno di coloro che non ci vogliono stare a far parte della più diffusa mentalità, e che infine dovranno manifestare perciò, in qualche maniera, che erano diversi da subito, avevano altri pensieri, differenti proiezioni, fin proprio da quando tutto è iniziato.


Bruno Magnolfi


Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×