scrivi

Una storia di IvanBerardi

Questa storia è presente nel magazine Un anno a Gerardmer / A year in Gerardmer

Interruzione pubblicitaria!

25.10.19

86 visualizzazioni

4 minuti

Pubblicato il 25 ottobre 2019 in Viaggi

0

Lo so, lo so! Vi stavate tutti domandando quando sarebbe comparso il prossimo esilarante* capitolo settimanale. O forse no.

Eccomi comunque qua con un giorno di ritardo.

Il motivo è abbastanza semplice: questa settimana siamo stati in Spagna, non una vacanza vera e propria e di conseguenza non vi annoierò più del dovuto con i dettagli. Una piccola nota la merita però Malaga. Sono passati due o tre anni dall’ultima volta che vi siamo stati e sembra che in questo periodo la città abbia abbracciato pienamente la sua vocazione turistica senza però vendere l’anima. L’abbiamo trovata giovane e dinamica con un palpabile sapore di “controcultura”, se poi vi capitasse di essere vegani, le offerte si sono decuplicate, non male per la terra delle corride e del Jamòn in tutte le salse. Se non lo siete, bé di problemi non avrete comunque.

Abbiamo miserabilmente fallito nel nostro tentativo di volare meno o non del tutto. Ricordate nel primo capitolo? Il viaggio in bus e treno e bus ancora… ecco in questo caso sarebbe stato impossibile o ci sarebbe costato una fortuna, quindi, non senza sentirci in colpa abbiamo preso l’aereo da Basilea a Malaga. Al ritorno l’unica combinazione possibile ci ha visti volare da Malaga a Londra Luton. Abbiamo passato la notte in aeroporto e poi preso l’aereo da Luton a Basilea. Il viaggio è durato in totale circa 24 ore (con i bus e le varie attese), saremmo potuti andare in Australia, ma tornare a casa nei Vosgi è stata una soddisfazione più grande di una visita agli antipodi. Confermata dallo spettacolo offertoci dal tragitto in bus da Munster a Gerardmer: raggiungendo la cima del Col de la Schlucht e perforando le nubi, le vette arrotondate dei Vosgi sembravano un arcipelago verde lambito da un placido mare di nuvole.

Colgo l’occasione, e spero che le anime buone di Intertwine non si offendano, per aprire un piccolo spazio pubblicitario.

Alcuni tra voi sono già al corrente del fatto che il sottoscritto sia un autore** pubblicato (ok, OK!… auto-pubblicato). Ovviamente questo non vi giungerà come una sorpresa giudicando dalla fluida prosa su cui i vostri delicati occhi stanno scorrendo in questo preciso momento…


Per la verità un titolo disponibile nelle librerie uscirà presto: un mio racconto è stato infatti incluso nell’antologia “Racconti Bresciani” la cui presentazione avverrà nella mattinata di Domenica 10 Novembre alla Fiera della Microeditoria di Chiari, presso la Villa Mazzotti Biancinelli in viale Giuseppe Mazzini 39 a Chiari (BS). Io non potrò esserci personalmente, ma dovrebbe trattarsi di un evento interessante.


La pubblicità a cui mi riferivo riguarda invece i due romanzi che sono un po’ i miei bambini e per la serie “Ogni scarrafone è bello a mamma sua”… li amo come solo una madre potrebbe amarli.

I miei due scarrafoni
I miei due scarrafoni

Fino al 31 Dicembre il 50% del guadagno verrà versato all’Arcigay Orlando di Brescia. Un piccolo grazie per tutto quello che hanno fatto e stanno facendo per la comunità LGBTQ e per la difesa dei diritti civili in generale.


Il primo romanzo ad essere stato pubblicato s’intitola Ogni nuvola ha una fodera d’argento.

Ci troviamo a Brescia in una giornata di maggio di qualche anno fa. Le Vedette della Fede stanno organizzando un raduno contro l'inaugurazione di un locale LGBT, ma le tre amiche che tanto si sono impegnate per poterlo aprire non si faranno intimorire, riuscendo a coinvolgere l'intera città in questa loro dignitosa riscossa. Seguiremo gli avvenimenti che porteranno i nostri protagonisti a confrontarsi tra loro con risvolti a volte emozionanti, spesso comici, ma che avranno comunque un’eco ben più vasta dei confini della loro quotidianità. Un romanzo corale il cui tono leggero, con un sorriso, vuole esplorare alcune tra le tematiche che più stanno dividendo l'opinione pubblica italiana.


Il secondo romanzo è Intrecci.

Siamo in Autunno. Nell'arco di pochi giorni alcuni amici si ritrovano involontari protagonisti di vicende che li porteranno a rivalutare ciò che credono costituisca la loro realtà. Episodi apparentemente isolati, al confine tra sogno, illusione e suggestione. Una trama che si intreccia tra le vie di Brescia, i quartieri di Londra e la brughiera Inglese. Tra oggi e ieri, come in un gioco di specchi. Dove però nulla avviene per caso.


Mi ero affezionato ai protagonisti di Ogni Nuvola ha una fodera d’argento e volevo farli rivivere in situazioni diverse e così è nato Intrecci. Inizialmente come una serie di racconti a sottofondo gotico/noir, poi, scrivendoli, mi sono reso conto che un filo conduttore si stava creando da solo tessendoli come i capitoli di un romanzo. Sebbene consigliabile, la lettura di Ogni Nuvola non è necessaria per la comprensione degli eventi descritti in Intrecci.

Li potete ordinare qui, sia in versione cartacea o Ebook.

https://www.amazon.it/dp/B07DQT58CX

https://www.amazon.it/dp/B07QMT342R

Ecco lo spazio commerciale è così terminato. Ho pensato di pubblicizzare i libri adesso perché si sa mai che siate a corto di idee per il perfetto regalo di Natale (nel frattempo fate anche un’opera di bene. Amen!) e così avrete anche ampio tempo per poterli ordinare, ehm... due mesi...

Chissà, forse mi farò risentire tra un po'…

*opinione discutibile

**opinione discutibile

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×