scrivi

Una storia di Francesco96

È la vita che mi parla

35 visualizzazioni

3 minuti

Pubblicato il 04 giugno 2020 in Poesia

Tags: #vita #sensazioni #riflessioni #pioggia #ricordi

0

È incredibile come una insieme di elementi distinti e apparentemente inconciliabili si sommi nella nostra mente e qui vi crei specifiche sensazioni ed emozioni impossibili da articolare a parole. Sensazioni che abbiamo già provato, di cui abbiamo ricordo ma che non riusciamo a spiegare in maniera razione, impossibili da decomporre e legare a un elemento in particolare.

E' il mondo che ci circonda e il suo mutare che all'improvviso spinge un interruttore dentro di noi. Sono i luoghi che ci parlano, senza far troppo rumore fino a che poi dipingono quadri al nostro interno: terribili.magnifici, rassicuranti, malinconici.


Cammini per il paese dei tuoi nonni un giorno primaverile, quando dal cielo umido scende una pioggia scrosciante. E all'improvviso senti dentro te una sensazione calda e rassicurante; ti riporta a quando eri piccolo in autunno. Giravi per il paese in bici, a piedi, imparando a conoscere le piazze e i vicoli di quel piccolo universo che è racchiuso in tutti i paesi; e poi tornavi a casa con le guance rosse dal freddo, per stenderti sul letto soffice di tua nonna che sembrava interminabile, La pioggia che ticchetta sulla finestra mentre ti assopisci tra il caldo delle lenzuola. aspettando la cena...chissà cosa avrà preparato questa volta.


La stessa pioggia batte forte ora sulla strada, ininterrottamente, sfociando man mano in un suono tenue, che fa da sottofondo alla voce del prete mentre con poche -sentite- parole ricorda chi non c'è più.


È in questi momenti dove passato e presente si fondono, portati a incontrarsi da suoni, odori, immagini, sapori in cui durante la giornata ci imbattiamo. Loro sono là; elementi nascosti del nostro quotidiano che, con la giusta prospettiva, il giusto tempismo scatenano -come reazioni chimiche- qualcosa in noi. A quel punto tutto si mescola, ritorniamo indietro, rivivendo con nuovi occhi ciò che è stato. Spezzoni di film che appaiono sullo schermo della nostra mente quando meno ce lo aspettiamo.

È la vita che ci circonda e ci permea fin nelle nostre viscere più profonde.

È la vita che ci chiama da tempi diversi, risvegliandosi in noi anche quando crediamo che sia passata.

È la vita che trasporta dietro di noi tutto ciò di cui negli anni abbiamo fatto esperienza.

È la vita che si dischiude ai nostri occhi sotto nuove forme.

Anche le cose che riteniamo inanimate, secondarie, solo un corredo di ciò che a noi appare essenziale, a volte ci comunicano qualcosa; muovendo il nostro animo in direzioni nuove e vecchie. E sbalorditi, non abbiamo parole per spiegare ciò che in quel momento proviamo, vediamo; siamo sorpresi da come elementi sparsi formino ricordi così chiari, sensazioni così nitide e particolari.


Sorrido mentre esco dalla vecchia chiesa del paese, la pioggia oramai è cessata e l'aria è fresca , pungente al punto giusto. Il rumore della gente che torna a casa ci accompagna mentre raggiungiamo la macchina.


È la vita che mi parla, con parole così belle ma che non comprendo.

È la vita che mi parla con segni di cui non conoscevo l'esistenza.

È la vita che mi svela le sue innumerevoli forme, che scompaiono prima che riesca ad afferrarle.



Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×