scrivi

Una storia di Anaxillaplaisir2020

Questa storia è presente nel magazine Volevo solo averlo addosso

Ep. 5 - I Dettagli

168 visualizzazioni

1 minuti

Pubblicato il 14 ottobre 2020 in Erotici

0

Amo il mio uomo. Amo quel sopracciglio alzato al centro dell'arcata, non so se mi vien più voglia di guardarlo o di spostarlo con la lingua per sistemarlo;

Bacerei quel piccolo pezzo di carne storta sulla cicatrice dell'intervento, mi ricorda un periodo di sofferenza e di grandi emozioni;

Mi piacciono quelle caviglie grandi da diventare un tutt'uno con le gambe, mi fanno pensare alla sua forza;

Adoro quel sorriso innamorato che mi regala quando è libero di farlo, e mi piace quando sorride di me, pur se mi arrabbio;

Mi fanno impazzire le sue narici dilatate, nell'espressione semiseria che ha quando facciamo l'amore, mi eccita più di un film pornografico. L'esplosione del suo godimento è visibile dal respiro appena meno lieve, e da quei fori prima fumanti, poi rilassati.

Amo il percorso ondulato di quelle labbra carnose; il labbro superiore ha al centro un piccolo, infinito pizzetto che sporge sul labbro inferiore; lo disegnerei con il pennello che ho nelle dita e ve le affonderei con passione fino a quando me le bacerebbe.

Il mio uomo rasserena i miei tormenti, quando mi avvolge da dietro abbracciandomi, e mi bacia la spalla sorridendo.

Il suo ottimismo mi fa proseguire in questa nostra incredibile storia. Senza, non so se reggerei il peso del non averlo tutto per me.

Devo esser pazza a stargli vicino senza dargli un bacio, quando lo potrei fare. Ma è così bello attenderlo.

Lo amo, ed è la mia disperazione.



Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×