scrivi

Una storia di Hexzen

Questa storia è presente nel magazine Il piacere della lettura

Libri da regalare a Natale 2018

Quale libro regalare a Natale?

744 visualizzazioni

11 minuti

Pubblicato il 28 novembre 2018 in Recensioni

Tags: #amicageniale #libri #libridaleggere #natale #regali

0

Ricevere un libro a natale è sempre un pensiero gradito, specialmente per un lettore accanito. Spesso però ci perdiamo fra gli scaffali della libreria chiedendoci: Quale libro regalare a Natale? La scelta migliore ricade quasi sempre sulle ultime novità, quelle fresche di stampa e che, durante l'anno, hanno incuriosito e venduto di più. E chissà... magari quella persona non ha ancora acquistato quel libro.

L'amica geniale di Elena Ferrante

Da questo famosissimo Romanzo è stata recentemente tratta una serie tv, tutti si dicono"primo o poi lo leggerò", quindi con questo farai sicuramente centro!
Il bestseller L'Amica Geniale di Elena Ferrante, è stato il romanzo italiano più venduto nel mondo negli ultimi dieci anni. Puoi approfondire l'argonento leggendo l'articolo "L’Amica Geniale è la storia di due vite mano nella mano".


Il romanzo comincia seguendo le due protagoniste bambine, e poi adolescenti, tra le quinte di un rione miserabile della periferia napoletana, tra una folla di personaggi minori accompagnati lungo il loro percorso con attenta assiduità. L'autrice scava nella natura complessa dell'amicizia tra due bambine, tra due ragazzine, tra due donne, seguendo la loro crescita individuale, il modo di influenzarsi reciprocamente, i buoni e i cattivi sentimenti che nutrono nei decenni un rapporto vero, robusto. Narra poi gli effetti dei cambiamenti che investono il rione, Napoli, l'Italia, in più di un cinquantennio, trasformando le amiche e il loro legame. E tutto ciò precipita nella pagina con l'andamento delle grandi narrazioni popolari, dense e insieme veloci, profonde e lievi, rovesciando di continuo situazioni, svelando fondi segreti dei personaggi, sommando evento a evento senza tregua, ma con la profondità e la potenza di voce a cui l'autrice ci ha abituati. Si tratta di quel genere di libro che non finisce. O, per dire meglio, l'autrice porta compiutamente a termine in questo primo romanzo la narrazione dell'infanzia e dell'adolescenza di Lila e di Elena, ma ci lascia sulla soglia di nuovi grandi mutamenti che stanno per sconvolgere le loro vite e il loro intensissimo rapporto.


Leggi L'amica geniale.

Elena Ferrante, l'amica geniale
Elena Ferrante, l'amica geniale

The sun and her flowers. Il sole e i suoi fiori di Rupi Kaur


Consigliato a tutti gli amanti della poesia. Rupi Kaur è una poetessa, un’artista e una performer. All’età di cinque anni, la madre le dà un pennello e le dice: «Disegna ciò che vuole il tuo cuore». A 17 anni, si trova per caso a un recital di poesie e, per la prima volta, legge un suo testo in pubblico. Mentre frequenta l’University of Waterloo, in Canada, scrive, illustra e autopubblica la sua prima raccolta di poesie, milk and honey. Negli anni seguenti, milk and honey diventa un fenomeno internazionale: vende più di 3 milioni di copie, viene tradotto in 35 Paesi e arriva al numero uno della classifica del New York Times, rimanendo poi in classifica per 100 settimane consecutive. L’attesissima seconda raccolta, the sun and her flowers, viene pubblicata nel 2017 e s’insedia al numero 1 delle classifiche fin dal giorno della sua uscita, vendendo un milione di copie in tre mesi tra l’entusiasmo dei lettori di tutto il mondo.



Leggi The sun and her flowers.

The sun and her flowers. Il sole e i suoi fiori di Rupi Kaur
The sun and her flowers. Il sole e i suoi fiori di Rupi Kaur

Eleanor Oliphant sta benissimo di Gail Honeyman


Tra i libri che hanno venduto e conquistato i lettori di tutto il mondo non può mancare Eleanor Oliphant sta benissimo, per stimolare tutti quelli che vogliono cambiare vita e per chi è forte ma ancora non lo sa.


Mi chiamo Eleanor Oliphant e sto bene, anzi: benissimo.Non bado agli altri. So che spesso mi fissano, sussurrano, girano la testa quando passo. Forse è perché io dico sempre quello che penso. Ma io sorrido, perché sto bene così. Ho quasi trent’anni e da nove lavoro nello stesso ufficio. In pausa pranzo faccio le parole crociate, la mia passione. Poi torno alla mia scrivania e mi prendo cura di Polly, la mia piantina: lei ha bisogno di me, e io non ho bisogno di nient’altro. Perché da sola sto bene. Solo il mercoledì mi inquieta, perché è il giorno in cui arriva la telefonata dalla prigione. Da mia madre. Dopo, quando chiudo la chiamata, mi accorgo di sfiorare la cicatrice che ho sul volto e ogni cosa mi sembra diversa. Ma non dura molto, perché io non lo permetto.E se me lo chiedete, infatti, io sto bene. Anzi, benissimo.O così credevo, fino a oggi.Perché oggi è successa una cosa nuova. Qualcuno mi ha rivolto un gesto gentile. Il primo della mia vita. E questo ha cambiato ogni cosa. D’improvviso, ho scoperto che il mondo segue delle regole che non conosco. Che gli altri non hanno le mie stesse paure, e non cercano a ogni istante di dimenticare il passato. Forse il «tutto» che credevo di avere è precisamente tutto ciò che mi manca. E forse è ora di imparare davvero a stare bene. Anzi: benissimo.


Gail Honeyman ha scritto un capolavoro. Un libro che a detta di tutta la stampa internazionale più autorevole rimarrà negli annali della letteratura. Un romanzo che per i librai è unico e raro come solo le grandi opere possono essere. I numeri parlano da soli: venduto in 35 paesi, per mesi in vetta alle classifiche, adorato sui social dalle star del cinema più impegnate, vincitore del Costa First Novel award, presto diventerà un film. Una protagonista in cui tutti possono riconoscersi. Perché spesso ci si rifugia nella propria realtà per non vivere quello che c’è veramente fuori. In quel riparo si crede di stare benissimo, ma basta una folata di aria fresca per capire che troppo è quello che si sta perdendo.



Leggi Eleanor Oliphant sta benissimo.

Eleanor Oliphant sta benissimo di Gail Honeyman
Eleanor Oliphant sta benissimo di Gail Honeyman


Chiamami col tuo nome di Andre Aciman


Da questo libro è stato tratto il famosissimo film "Chiamami col tuo nome" di Luca Guadagnino, nominato agli oscar per la miglior sceneggiatura non originale, miglior film, miglior canzone e miglior attore protagonista. In pratica si tratta di un best seller che non può mancare nella propria libreria.


Vent’anni fa, un’estate in Riviera. Una di quelle estati che segnano la vita per sempre. Elio ha diciassette anni, e per lui sono appena iniziate le vacanze nella splendida villa di famiglia nel Ponente ligure. Figlio di un brillante professore universitario, musicista sensibile, decisamente colto per la sua età, Elio aspetta come ogni anno «l’ospite dell’estate, l’ennesima scocciatura»: uno studente in arrivo da New York per lavorare alla sua tesi di post dottorato.

Ma Oliver, il giovane americano, subito conquista tutti con la sua bellezza e i modi disinvolti, quasi sfacciati. Anche Elio ne è irretito. I due ragazzi condividono conversazioni appassionate su libri e film, discussioni sulle loro comuni origini ebraiche, e poi nuotate mattutine, partite a tennis, corse in bici e passeggiate in paese.

E tra loro nasce un desiderio inesorabile quanto inatteso, fatto di ossessione e paura, di scaltra dissimulazione e slanci ingenui, vissuto fino in fondo, dalla sofferenza all’estasi. La scoperta di quei giorni estivi e sospesi in Riviera e di un’afosa notte romana è quella, irripetibile, di un’intimità totale, assoluta. Perché l’intensità, la forza di quell’esperienza, l’autenticità di quei sentimenti sono destinate a rimanere insuperate.

Chiamami col tuo nome è la storia di un paradiso scoperto e già perduto, una meditazione proustiana sul tempo e sul desiderio, una lunga lettera d’amore, un’invocazione, una domanda che resta aperta per gli anni a venire, finché Elio e Oliver si ritroveranno, un giorno, a cercare parole per dire l’indicibile, per confessare, prima di tutto a se stessi, che «questa cosa che quasi non fu mai ancora ci tenta».


Leggi chiamami col tuo nome.

Chiamami col tuo nome di Andre Aciman
Chiamami col tuo nome di Andre Aciman

La ragazza con la leica Helena Janeczek


Vincitore del Premio strega 2018, vincitore del Premio Bagutta e finalista del Premio Campiello 2018, questo libro che racconta la vita di questa ragazza ribelle, l'amore con Robert Capa, l'avventura di fotografare e la gioia di vivere nella Parigi degli anni Trenta è sicuramente uno dei titoli dell'anno.

Il 1° agosto 1937 una sfilata piena di bandiere rosse attraversa Parigi. È il corteo funebre per Gerda Taro, la prima fotografa caduta su un campo di battaglia. Proprio quel giorno avrebbe compiuto ventisette anni. Robert Capa, in prima fila, è distrutto: erano stati felici insieme, lui le aveva insegnato a usare la Leica e poi erano partiti tutti e due per la Guerra di Spagna. Nella folla seguono altri che sono legati a Gerda da molto prima che diventasse la ragazza di Capa: Ruth Cerf, l’amica di Lipsia, con cui ha vissuto i tempi più duri a Parigi dopo la fuga dalla Germania; Willy Chardack, che si è accontentato del ruolo di cavalier servente da quando l’irresistibile ragazza gli ha preferito Georg Kuritzkes, impegnato a combattere nelle Brigate Internazionali. Per tutti Gerda rimarrà una presenza più forte e viva della celebrata eroina antifascista: Gerda li ha spesso delusi e feriti, ma la sua gioia di vivere, la sua sete di libertà sono scintille capaci di riaccendersi anche a distanza di decenni. Basta una telefonata intercontinentale tra Willy e Georg, che si sentono per tutt’altro motivo, a dare l’avvio a un romanzo caleidoscopico, costruito sulle fonti originali, del quale Gerda è il cuore pulsante. È il suo battito a tenere insieme un flusso che allaccia epoche e luoghi lontani, restituendo vita alle istantanee di questi ragazzi degli anni Trenta alle prese con la crisi economica, l’ascesa del nazismo, l’ostilità verso i rifugiati che in Francia colpiva soprattutto chi era ebreo e di sinistra, come loro. Ma per chi l’ha amata, quella giovinezza resta il tempo in cui, finché Gerda è vissuta, tutto sembrava ancora possibile


Leggi La ragazza con la leica.

La ragazza con la leica Helena Janeczek
La ragazza con la leica Helena Janeczek

MACERIE PRIME. SEI MESI DOPO di Zerocalcare


Per gli amanti delle graphic novel non può mancare l'ultimo di Zerocalcare. Nasce il figlio di Cinghiale. Gli amici si riavvicinano. Niente è più come prima. Sei mesi dopo l'uscita di «Macerie prime», Zerocalcare torna con il capitolo conclusivo della sua storia più emblematica e contemporanea. Il senso di precarietà sociale del suo cast sembra assoluto, i rapporti amicali si lacerano, le tenebre avanzano. Piccoli pezzi di ciascuno vengono perduti, rubati, cambiano gli equilibri. E l'armadillo è sempre latitante. Se una soluzione esiste, in cosa consisterà?



Leggi Macerie Prime.​​​​​​​

Zerocalcare Macerie Prime. Sei mesi dopo
Zerocalcare Macerie Prime. Sei mesi dopo

Gente del sud. Storia di una famiglia di Raffaello Mastrolonardo


Adatto a tutti i lettori che amano immergersi nella lettura delle saghe familiari, fatte di amori, sogni, passioni e guerre. Una grande saga familiare sullo sfondo del Novecento italiano, ambientata in una terra difficile e bellissima, la Puglia.

Tornai indietro, alcune pagine dell’album erano riempite di foto della nostra campagna pietrosa con decine di contadini e di operai chini sulla terra e sui massi. In lontananza si stagliava il profilo familiare del Morrone, la masseria che racchiudeva le memorie di famiglia. Volti e giorni lontani di cui nulla sapevo, che non avevo vissuto, ma percepivo miei. Adesso che lo zio Nello se n’era andato, ero rimasto solo io, ultimo rappresentante d’una genia da cui ero fuggito e che adesso mi chiamava. Perché? Cosa voleva da me quella gente?


Napoli, agosto 1895, in città è tornato il colera. Romualdo Parlante, medico, spaventato dalla virulenza del male, impone a sua moglie Palma, incinta del quarto figlio, di tornare immediatamente, con gli altri bambini, nel loro paese d’origine, in Puglia, dove troveranno rifugio in casa dei genitori di lui: Bastiano e Checchina. È così che la luce della letteratura si accende sulla famiglia Parlante, la protagonista di questo romanzo fluviale, e che proprio grazie all’intraprendenza del patriarca Bastiano e dei suoi figli sta emergendo dall’oscurità della storia e sta cercando di ritagliarsi un posto sul piccolo, assolato e povero palcoscenico del Meridione d’Italia, in particolare in quella terra insieme dura e ricca che è il Tavoliere delle Puglie. La storia degli uomini e delle donne della famiglia: Aniello, Costanzo e soprattutto Cipriano – il bambino che Palma portava in grembo fuggendo da Napoli –, Vincenzina, Gelica, Reginella… la storia dei Parlante si intreccia con quella tumultuosa dell’Italia: gli anni Dieci del ‘900, l’avventura coloniale e la prima guerra mondiale (in cui i giovani maschi della famiglia si gettano con slancio); gli anni dei primi, duri scontri sociali e poi l’avvento del regime fascista; l’apertura al nuovo e le avvisaglie della modernità; la tragedia della seconda guerra mondiale e la fine di un mondo, e poi la ricostruzione, il boom economico, i giorni nostri – un secolo intero carico di novità, di sfide, e di drammi che i Parlante, pur nella diversità dei caratteri, affronteranno sempre con coraggio, determinazione, ambizione. Frutto di oltre dieci anni di lavoro, Gente del Sud racconta le molte incarnazioni che l’amore può assumere nella vita degli individui: l’amore appassionato, capace di superare ogni ostacolo e ogni convenzione, l’amore per la propria sposa o il proprio sposo, per i figli, per la propria terra, per la «roba», per il proprio Paese, per le idee; è un romanzo-mondo, capace di riaccendere la passione per le narrazioni in cui immergersi completamente; è la storia di una famiglia, unica eppure come tante, dentro la Storia di un Paese, inconfondibile eppure come tutti gli altri.


Leggi Gente del sud.​​​​​​​

Nessuno ha ancora commentato, sii tu il primo!

Ottimo! Visita la libreria per gestire i tuoi magazine

×
!
La tua sessione è scaduta! Effettua di nuovo il login e spunta Ricordati di me per rimanere sempre connesso e non perdere i tuoi progressi!
Ottimo!

Controlla la tua email per reimpostare la tua password!

×